L’Acquario di Genova: il più grande acquario d’Italia

L’Acquario di Genova è un luogo ottimale per il divertimento dei bambini, ma non solo, infatti sono sempre più gli adulti che scelgono di andare a Genova per visitare l’Acquario di Ponte Spinola, nel porto antico della capitale ligure. Esso è il più grande acquario italiano e il secondo europeo, dopo quello di Valencia. Si può giungere alla struttura dalla fermata metropolitana “San Giorgio”, dalla stazione ferroviaria “Genova Principe” e dall’uscita autostradale di Genova Ovest. L’edificio prevede quattro piani, due dei quali sono situati sette metri sotto il livello del mare, per una superficie complessiva di diecimila metri quadri. Appena entrati nell’Acquario si nota immediatamente la grande “vasca del molo antico” che riproduce fedelmente il Porto Antico di Genova. Le vasche dell’Acquario genovese sono immense, c’è la vasca degli squali, della barriera corallina, delle foche e quella dei delfini, quest’ultima è all’aperto per consentire agli animali di saltare in superficie senza alcuna costrizione. La vasca è inserita nello scafo di una nave, detta “Nave Italia”. L’edificio è stato inaugurato nel 1992, in occasione del cinquecentesimo anniversario della scoperta dell’America. Esso prevede un percorso della durata di 2 ore e 30 minuti, durante il quale si possono ammirare diverse specie di animali marini, tra cui anche rettili, tartarughe e varie specie che possono essere toccate direttamente con le mani, infine sono previsti anche percorsi didattici. I prezzi del biglietto sono i seguenti:

per bambini fino ai 3 anni: gratis

per bambini dai 4 ai 12 anni: 12 €

per adulti: 18 €

per adulti oltre i 65 anni, i militari e i disabili: 16 € 


Ti piace il nostro blog? Seguici su facebook, twitter, google+ e pinterest!
 
   Follow Me on Pinterest


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Seguici su...