Visitare Budapest dal finestrino di un tram!

Visitare Budapest dal finestrino di un tram è una delle soluzioni migliori per lodare la sua bellezza. Nella Capitale ungherese sono presenti numerosi tram datati che conferiscono alla città un’atmosfera suggestiva e molto retrò.

Visitare Budapest Castello

Palazzo Reale

Uno dei tram più famosi è il numero 2, un convoglio d’epoca che percorre gran parte di Pest tagliandola da nord a sud (e viceversa), seguendo il corso del fiume Danubio. A bordo del tram, oltre a godere di una vista eccellente sul fiume e su gran parte di Buda, potrete osservare numerosi edifici, monumenti e attrazioni della città da una prospettiva diversa (Parlamento, Palazzo Gresham, Monumento all’Olocausto, ecc.). Lungo il percorso del tram scorgerete anche alcune statue di bronzo, tra cui quelle della Principessa Sissy, del politico Imre Nagy e di una giovane donna intenta a giocare con un cane. Budapest, così come Bratislava, è piena di queste buffe e divertenti statue di bronzo. Divertitevi a cercarle e a scattare delle foto in loro compagnia!

Visitare Budapest Principessa Sissy

Statua della Principessa Sissy

Uno dei due capolinea del tram numero 2 è “Jászai Mari tér”, un piccolo spazio posto a ridosso dell’ingresso orientale del Ponte Margherita, uno dei più bei ponti di Budapest. Da Jászai Mari tér, percorrendo il ponte, potrete raggiungere facilmente l’Isola Margherita, una porzione di terra situata nel bel mezzo del Danubio al cui interno è presente un bellissimo parco che ospita diverse attrazioni (fontana musicante, mini zoo, giardino giapponese, ecc.). Il nostro consiglio è quello di percorrere il tratto tra Jászai Mari tér e il Mercato Coperto, poiché oltre il mercato il tram prosegue verso la periferia fino al capolinea “Közvágóhíd H”.

VISITARE BUDAPEST – TRAM NUMERO 2

Cosa visitare a Budapest Tram numero 2

Il  “numero 2” non è l’unico tram per visitare Budapest in modo “different” ma ne esistono altri, tra cui il numero 4 e il numero 6. Questi due tram partono entrambi da “Széll Kálmán tér” (piazza situata a Buda la cui denominazione fino al 2011 era Moszkva tér) e percorrono il lungo viale a forma di anello, denominato “Grande Corso” (Nagykòrut), che unisce il Ponte Margherita al Ponte Petõfi. Lungo questa grande arteria cittadina potrete ammirare importanti edifici come la Stazione Nyugati (Nyugati Pályaudvar), il Teatro della Commedia e il bellissimo palazzo del Museo delle Arti Applicate in stile Art Noveau. Entrambi i tram fanno capolinea a Buda, il numero 4 a Fehérvári útca (a circa 1 Km dal Ponte Rákóczi) e il numero 6 a Móricz Zsigmond körtér (a poche decine di metri dal Ponte Petõfi). Noi dello Staff vi consigliamo di prendere indifferentemente uno dei due tram ed effettuare solo il percorso tra Piazza Széll Kálmán e la piazza in cui è situata la fermata metropolitana “Corvin-negyed”.

Visitare Budapest Parlamento

È possibile continuare a visitare Budapest mediante l’ausilio di altri due caratteristici tram: il 19 e il 41. Entrambi partono da Batthyány tér, la piazza di Buda in cui è situata la bellissima Chiesa di Sant’Anna e uno dei sei mercati coperti di Budapest. Il tram numero 19 esegue un percorso parallelo al tram numero 2 ma in Buda anziché in Pest. Lungo il tragitto non solo godrete di un’ottima vista sul Parlamento e su tutta Pest ma potrete ammirare diverse attrazioni come la Chiesa Calvinista, la caratteristica funicolare (Budavári Sikló) per salire al Castello Reale, i famosi bagni termali Gellért e tanto altro. Il tram continua il suo percorso inerpicandosi sulla Collina Gellért e terminando la sua corsa alla Stazione Kelenföldi (Kelenföldi Pályaudvar).

Cosa visitare a Budapest in 3 giorni

Funicolare Budavári Sikló e veduta panoramica di Pest

Il tram numero 41 segue lo stesso percorso del numero 19 fino a Móricz Zsigmond körtér (capolinea del numero 6), dopodiché continua il proprio tragitto fino a terminare la corsa al Parco Kamaraerdő, un grande polmone verde situato a poco meno di 1 chilometro dal famoso Memento Park, un parco contenente numerose statue monumentali del periodo comunista ungherese che in passato popolavano le strade cittadine. Il 19 e il 41 sono due tram ideali per visitare Budapest da una prospettiva totalmente diversa rispetto agli altri 3.

Visitare Budapest Mercato Coperto

Mercato Coperto di Budapest

Tutti i tram descritti non sono turistici ma sono dei semplici tram di linea, ciò significa che per salirci a bordo basta acquistare un normale biglietto dal costo irrisorio di circa 1€. Se acquistate il biglietto giornaliero avete diritto ad un numero illimitato di corse su tutti i mezzi pubblici (metro, autobus, tram, filobus, ecc.) durante tutto l’arco della giornata. Il tram numero 2, visto il percorso che compie e l’economicità del biglietto, è preso d’assalto da molti turisti.

Visitare Budapest Palazzo Gresham

Palazzo Gresham a Budapest

Noi dello Staff siamo stati più di una volta nella bellissima città di Budapest e ovviamente abbiamo testato personalmente la maggior parte dei tram descritti in questo articolo. Inutile dire che è stata un’esperienza bellissima! Osservare la quotidianità delle persone locali, i monumenti, i vari edifici ottocenteschi e tanto altro – il tutto comodamente seduti su un sediolino e con lo sguardo rivolto verso l’esterno del tram – è davvero una sensazione unica.

VISITARE BUDAPEST – TRAM NUMERO 4

Cosa visitare a Budapest in 3 giorni

Visitare Budapest in tram rappresenta anche un’ottima occasione per girare la città nel caso in cui le condizioni metereologiche non fossero delle migliori.

A breve pubblicheremo un altro articolo con info utili su cosa visitare a Budapest. Stay tuned!


Ti piace il nostro blog? Seguici su facebook, twitter, google+ e pinterest!
 
   Follow Me on Pinterest


9 commenti a Visitare Budapest dal finestrino di un tram!

  1. anita obrofta 28 marzo 2013 ore 21:36 Rispondi

    Complimenti Nicolà! é veramente un bell’articolo con delle indformazioni molto utili e particolari, che non tutti lo sanno.

    • Nicola 28 marzo 2013 ore 22:05 Rispondi

      Ciao Anita, mi fa molto piacere che l’articolo ti sia piaciuto. Ti ringrazio per i complimenti, detti da te (che suppongo essere ungherese) è un vero onore per me. :-)

      Budapest è una delle mie città preferite, non vedo l’ora di ritornarci.

      P.S. Complimenti per il tuo italiano, sei molto brava.

      Saluti Nicola

  2. mikele 26 febbraio 2014 ore 22:06 Rispondi

    ho viaggiato su qst tram grazie al tuo consiglio caro Nicola……sembravo essere ritornato indietro nel tempo……….grazie al tuo consiglio…..

    • Nicola 27 febbraio 2014 ore 09:36 Rispondi

      Figurati Michele :-)

      Sì i tram di Budapest, quelli in stile retro, sono molto belli ed affascinanti. Attraversare la città comodamente seduti su questi mezzi è molto emozionante :-)

      Saluti Nicola

  3. Ryancooper 6 aprile 2014 ore 12:55 Rispondi

    Aperta da pochissimo la linea 4 della metropolitana il cui percorso si snoda dalla zona sud di Buda fino a alla stazione ferroviaria di Keleti a Pest. Dieci fermate che attraversano parte della periferia meridionale di Buda per giungere in corrispondenza dell’hotel Gellert per poi entrare in Pest con stazioni in Fovam ter ( mercato coperto principale ), Kalvin ter, Rakoczi ter,Janos Pal Papa II ter e infine Kaleti Palyaudvar coprendo una buona parte della zona est.
    Alcune immagini:

    http://www.metro4.hu/start/index.html

  4. cinzia 29 maggio 2014 ore 16:43 Rispondi

    Bravissimo Nicola: veramente un ARTICOLONE Pienissimo di tante informazioni chiare e dettagliate che quasi sembra di essere già lì sui tram. Saremo a Budapest in agosto e avendo intenzione di prendere l’abbonamento quello dei 14 giorni x me e mio marito e quello dei 7 giorni x mia figlia volevo sapere se è valido sui tram sopra elencati e se esiste una spiegazione così esauriente x quanto riguarda i battelli d11 e d12 che posso prendere con l’abbonamento tranne il sabato e la domenica Grazie se vorrai aiutarmi

    • Nicola Spina 30 maggio 2014 ore 09:28 Rispondi

      Ciao Cinzia, ti ringrazio per le belle parole espresse e mi fa molto piacere che l’articolo ti sia piaciuto. :-)

      Cinzia purtroppo sui battelli non so aiutarti in quanto non ho provato in prima persona questa esperienza. In più di una volta che sono stato a Budapest ho notato la presenza di un mezzo anfibio che parte dalla piazza lato Pest del bellissimo Ponte delle Catene. Il veicolo è un autobus di colore giallo la cui parte anteriore assomiglia ad una barca. Sinceramente non te lo consiglio, in acqua non mi ha fatto proprio una buona impressione, ovviamente è solo una mia considerazione.

      Per quanto riguarda l’abbonamento ai mezzi di trasporto non ci sono problemi, oltre la metropolitana, puoi salire e scendere anche dai tram e dagli autobus entro i confini della città di Budapest. Io sono stato più di una volta in questa città ed ho utilizzato sempre gli abbonamenti giornalieri, il discorso per te è diverso visto che ci starai due settimane. Ti faccio notare che se acquisti il biglietto singolo (o il carnet da 10 biglietti singoli) questo vale solo per una corsa, in metropolitana puoi fare il cambio di linea senza utilizzare un altro biglietto ma se cambi mezzo (ad esempio: metro+autobus, metro+tram, tram+autobus, ecc.) devi necessariamente obliterare due biglietti. I controlli sono molto fiscali e gli addetti non sono per nulla flessibili, anche in caso di errore procedono con la multa.

      Hai letto anche l’articolo dei mercati di Budapest? Se hai bisogno di altre informazioni su questa bellissima città non esitare a chiedere. :-)

      Ciao Cinzia, a presto.

      Saluti Nicola

  5. guido 22 gennaio 2015 ore 13:06 Rispondi

    Bravo bell articolo provero a mettere in pratica i tuoi utili consigli guido

    • Nicola Spina 22 gennaio 2015 ore 15:13 Rispondi

      Grazie Guido :-)

      Saluti Nicola

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Seguici su...