L’hotel più profondo del mondo!

Nel presente articolo continuiamo a proporvi degli alloggi fuori dall’ordinario, al di là di ogni immaginazione. In passato abbiamo pubblicato articoli che illustravano gli hotel a capsula in Giappone e il Jumbo Hostel  a Stoccolma. Oggi è il turno di Sala Silvermine, una vecchia miniera d’argento, perfettamente conservata, trasformata in hotel grazie ad un’idea davvero originale.

L’hotel si articola in due strutture, una posta in superficie e l’altra nel sottosuolo. La prima struttura, chiamata Marketenteriet (mensa), svolge la funzione di ostello ed è composta da quindici camere doppie, prive di servizi igienici. La seconda struttura si trova a 155 metri di profondità ed è costituita da una lussuosa suite e da un ampio spazio adatto ad ospitare eventi di vario genere come feste, matrimoni, ricevimenti ed altro ancora. La suite dispone di  un letto in grado di fornire il riscaldamento necessario per sopravvivere e di un apparecchio radio per poter comunicare con un operatore posto in superficie. I servizi igienici non sono presenti in camera ma solo nella struttura posta in superficie. All’interno della miniera è possibile partecipare a dei tour guidati che vi accompagneranno tra tortuose gallerie, suggestive caverne e magici laghetti (come ad esempio il lago Christina). L’hotel è situato in Svezia, nella zona di Västmanland.

Il Sala Silvermine, grazie alla struttura posta nel sottosuolo, detiene il primato di “hotel più profondo del mondo”. Per informazioni sui costi di alloggio in suite o nelle camere della Marketenteriet clicca qui, mentre per informazioni di carattere generale clicca qui.

Ti piace il nostro blog? Seguici su facebook e twitter!


Ti piace il nostro blog? Seguici su facebook, twitter, google+ e pinterest!
 
   Follow Me on Pinterest


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Seguici su...