Il Museo-Giardino di Lady Walton a Ischia

Conosciuto come “la Mortella”, il giardino di Forio d’Ischia fu creato nel 1956 da Lady Susana Walton quando, giunta sull’isola con il marito musicista William Walton per stabilire una dimora, decise di dar vita ad un immenso giardino botanico attorno alla loro villa, ai piedi del monte Zaro. Il nome “Mortella” deriva dal dialetto napoletano e significa “mirto”, una pianta abbondantemente presente sulle rocce della collina su cui si sviluppa il museo-giardino. Esso si compone di due parti: una parte a valle protetta dal vento e con un clima più umido, quindi caratterizzata da piante tipiche di zone esposte ad un clima subtropicale e una parte in collina molto esposta al vento e con una vegetazione tipica del Mediterraneo. Oltre alla folta vegetazione che entusiasma studiosi e appassionati di natura (ma non solo) ci sono anche laghetti, piscine, fontane e dei terrazzamenti da cui si può godere del panorama della stupenda baia di Forio. Sulla collina del giardino è situata invece la casa-museo del musicista Walton con i suoi ricordi che tutt’oggi continuano ad affascinare soprattutto i giovani musicisti, tanto che esistono delle Fondazioni, dette appunto Fondazioni Walton, insieme al William Walton Trust (ente morale italo-britannico di cui è presidente d'onore Carlo d'Inghilterra), che intendono fare della Mortella un luogo di studio di giovani musicisti sotto la guida di maestri di fama mondiale. Il giardino è aperto dal 1° Aprile al 15 Novembre nelle giornate di martedì, giovedì, sabato e domenica dalle ore 9:00 alle ore 19:00. Il prezzo del biglietto per accedere esclusivamente al giardino è di 10 €, invece giardino più concerto 15 €.


Ti piace il nostro blog? Seguici su facebook, twitter, google+ e pinterest!
 
   Follow Me on Pinterest


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Seguici su...