Petronas Twin Towers: il simbolo della Malesia

Alte 452 metri e con ben 88 piani, le Petronas Twin Towers, situate a Kuala Lumpur, sono state considerate le torri più alte del mondo dal 1998 al 2004 (superando persino le celebri Twin Towers di New York), quando gli istituti internazionali di architettura decisero che la misurazione della loro altezza era stata falsata poiché venne considerata anche la lunghezza dei pinnacoli delle guglie. Nonostante tutto, le Petronas Twin Towers sono considerate opere imponenti dell’ingegneria e costituiscono il simbolo del progresso in Malesia. La vista delle torri lascia allibiti: sono dotate di 32.000 finestre e a 171 metri di altezza si nota un ponte, chiamato Skybridge, che collega i due edifici, consentendo così di passare facilmente da una torre all’altra senza dover scendere per forza al piano terra. La Torre Uno è occupata dalla compagnia petrolifera “Petronas” che ne ha consentito la realizzazione e da cui deriva il nome, invece la Torre Due è occupata in parte da altre compagnie associate e in parte da varie multinazionali. Al suo interno ci sono: un centro commerciale, il Suria, dove potete trovare capi alla moda ma a bassissimo prezzo; vari negozi; un teatro di 864 posti, il Dewan Filharmonik Petronas e una biblioteca sul petrolio, le energie  e le varie industrie collegate ad essi. Lo skybridge può essere visitato, ma bisogna prendere i biglietti (gratuiti ma limitati, ne vengono offerti circa 800 al giorno), per cui anche se il ponte apre alle 8.30 (eccetto il Lunedì che è chiuso), è meglio andare almeno un’ora prima perché c’è sempre una fila enorme. Il ticket prevede dapprima la visita di una galleria che offre informazioni sulla compagnia petrolifera Petronas e successivamente l’ingresso al ponte. 


Ti piace il nostro blog? Seguici su facebook, twitter, google+ e pinterest!
 
   Follow Me on Pinterest


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Seguici su...